Category Archives: Pubblicazioni

  • -

Dolore alla Spalla

La spalla è l’articolazione più complessa, più sofisticata e con maggiori possibilità di movimento di tutto l’organismo. Formata da ossa (omero, scapola e clavicola)legamenti, è associata a tendini, muscoli, nervi che ne permettono i movimenti, e vasi sanguigni che consentono la sopravvivenza dei tessuti che la compongono. Questa sua peculiarità però spesso entra in netto contrasto con una una maggiore instabilità e da questa i traumi o le disfunzioni meccaniche. Ma non solo. Da un punto di vista osteopatico essa è in stretta relazione ad altri settori per cui molte disfunzioni imputate alla spalla hanno in realtà origine diversa e lontana. 

Solitamente un dolore che maggiormente riguarda la spalla è imputabile alla tendinite (o tendinosi), e questa per la maggiore riguarda il tendine del muscolo sovraspinoso.

Vediamo un caso clinico reale.

Si presenta un paziente maschio di anni 45, il quale lamenta dolore alla spalla dx da circa 6 mesi, ingravescente, non risolto con altre terapie effettuate presso strutture diverse. Assunti antinfiammatori e 2 infiltrazioni di cortisonici.
Lavora come impiegato in ufficio da circa 25 anni, seduto per quasi tutta la giornata. Non pratica sport, non ha avuto traumi, nessun intervento importante. Non ha effettuato interventi dentali particolari se non le solite cure. Dorme senza dolore se non si posiziona sul fianco dx. Non ha questa abitudine solitamente. Soffre di lombalgia cronica non invalidante, ma tale da rappresentare un fastidio quotidiano.
Porta in visione una Risonanza magnetica di qualche settimana. La diagnosi è “tendinosi del sovraspinato con piccole calcificazioni lamellari”.  

Lo specialista dal quale si è recato prescrive onde d’urto focalizzate, ciclo di 3 sedute.

Il quadro potrebbe essere chiaro e “risolto” nella visione medica tradizionale. Ma un Osteopata non si rassegna, e cerca di capire una cosa fondamentale. Il dolore è imputabile a tendonisi da Risonanza magnetica e diagnosi medica, e questo non fa una piega. Ma come mai si è verificata la tendinosi? Ovvero, quel’è la causa scatenante il problema? Se agiamo sulla risoluzione del dolore, il paziente avrà un beneficio nel tempo oppure vi saranno recidive? La tendinosi è una malattia oppure una situazione data da conflitti meccanici? 

Analizzando la biomeccanica del paziente emerge una situazione posturale non corretta. Il piede piatto, una rotazione esterna degli arti inferiori, un bacino in retroversione, un aumento della cifosi dorsale. In pratica, per i non addetti ai lavori, una causa prevalentemente ascendente, che condiziona il dorso in “chiusura”, cioè in flessione anteriore. La spalle avanzano, si chiudono. La situazione alla scrivania peggiora tale postura. 

Senza entrare troppo nel dettaglio, una disfunzione dell’arco medio dorsale condiziona una Abduzione anteriorizzata della braccia. Una problematica che facilmente si riscontra in questi casi è un conflitto sub-acromiale, cioè una riduzione dello spazio osseo compreso tra la testa omerale e l’acromion. 

Ad una riduzione dello spazio sub-acromiale, corrisponde sovente un pinzamento ripetuto del tendine del sovraspinoso.

La postura del paziente, la sua attività lavorative, il sorso in cifosi pronunciata, l’abduzione anteriore della braccia sono alla base del problema. L’obiettivo deve essere la liberazione del tendine, il ripristino della corretta meccanica, mobilità, funzionalità. Un tendine che “lavora” in condizioni anomale e sottoposto a pinzamento articolare, non potrà mai regalarci situazioni di benessere.  

Al paziente è stato sottoposto il suo problema. Si è provveduto ad effettuare si la terapia ad onde d’urto focalizzate, per togliere l’infiammazione e ripristinare il tessuto tendineo (si ricorda che l’effetto delle onde d’urto è quello di un’azione antinfiammatoria e di fattori di crescita, che stimolano la rigenerazione dei tessuti stessi, a partire dalle cellule staminali).

Ma contemporaneamente il paziente si è sottoposto a trattamenti manuali osteopatici volti alla riduzione delle restrizioni meccaniche. Ora sta ripristinando la corretta funzionalità generale, e dell’arco dorsale in primis, sotto il controllo del Fisioterapista nella palestra riabilitativa del Centro.


  • -

CONOSCERE IL DOLORE

Conoscere il dolore è importante per la nostra salute

Questo è un articolo che può contribuire ad aiutare le persone a migliorare la qualità della propria vita.

Che cos’è il dolore?

La IASP (International Association for the Study of Pain) è l’associazione internazionale sullo studio del dolore. Essa definisce il dolore come una spiacevole esperienza sensoriale ed emotiva associata ad un danno tissutale attuale o potenziale.
Che significa tutto ciò?
Significa che il dolore può essere di tipo fisico (ferita, ustione, dolore meccanico) oppure di tipo emozionale, (lutto, dispiacere, depressione, insoddisfazione).
Parliamo in questo articolo, della natura fisica del dolore, cioè il meccanismo attraverso il quale uno stimolo raggiunge il cervello dove viene elaborato.
In ogni parte del corpo sono presenti i recettori del dolore, ovvero terminazioni nervose specializzate nel riconoscere stimoli in grado di produrre potenzialmente o concretamente un danno nel tessuto. Gli stimoli che attivano i recettori sono tipicamente di natura meccanica, chimica, termica, e sono chiamati nocicettori.
I nocicettori rispondono a stimoli meccanici facendoci provare dolore quando il nostro corpo subisce una pressione meccanica eccessiva. I nocicettori chimici rispondono a sostanze che possono provocare reazioni tali da ledere i tessuti, ad esempio le sostanze infiammatorie. I nocicettori termici invece ci avvisano del pericolo di ustioni o congelamento.
Compito del dolore fisiologico è quindi quello di proteggere il nostro organismo da eventi pericolosi per la salute o per il mantenimento della vita. Il dolore cioè è una protezione. Questa affermazione è bene sia ricordata per comprendere quanto scritto successivamente.

Ora prendiamo ad esempio un dolore lombare, ed analizziamolo.

Abbiamo visto che il dolore è una sensazione spiacevole che origina per attivazione dei nocicettori periferici. Questo significa che nella lombare dolente vi sono i nocicettori che sono stati attivati.
Come mai? Si potrebbe dire, come quasi sempre avviene, che c’è un’infiammazione. Ammesso sia vero (abbiamo visto infatti che vi sono anche nocicettori che si attivano alle sole pressioni elevate, di tipo quindi “funzionale”), come mai c’è questa infiammazione? Da cosa è generata? Se vengono attivati i recettori meccanici (pressione, danno, usura) e non quelli chimici (infiammazione), ha effetto l’antinfiammatorio? Possiamo curare la causa agendo in questo modo?

Assolutamente no! Ecco il perché, in molti casi, il dolore lombare non cessa con il solo utilizzo dell’antinfiammatorio. Non cessa perché le cause sono funzionali quindi non infiammatorie. Queso tipo di situazione si verifica in ogni settore del corpo, in cervicale, nel mal di testa, nelle spalle, nelle articolazioni, nei tendini, nei muscoli. I recettori del dolore funzionale sono ovunque. 

Dolore acuto e cronico.

Il dolore è definito acuto quando è recente, associato ad un danno del tessuto, quindi per attivazione nocicettiva, generalmente ben localizzato, di rapida risoluzione se il percorso attivato sarà corretto.
Se trascurato (interpretazione non corretta del dolore, cioè non lo analizzo come avvertimento/protezione indagando le cause!) può degenerare nel dolore di tipo cronico.
Il dolore cronico è definito tale quando supera i 3 mesi anche non consecutivi, o comunque quando supera un lasso di tempo considerato ragionevole per la sua guarigione.
In genere si tratta di dolore acuto trascurato perché non si è agito sulle vere cause bensì sull’effetto, quindi molto spesso determinato dal persistere dello stimolo dannoso che mantiene la stimolazione nocicettiva anche quanto la causa iniziale si è ridotta. Si accompagna ad una importante componente emozionale e psicorelazionale e limita la performance fisica e sociale del paziente. E’ un dolore difficile da curare: richiede un approccio globale e multidisciplinare, gestito con elevato livello di competenza e specializzazione.

Il dolore quindi è molto più che una semplice sensazione, in quanto non è in relazione soltanto con la rilevazione di un danno tessutale, ma anche con l’impatto emotivo che questa comporta e con la minaccia o il timore di provare dolore o che lo stesso sia perennemente presente senza soluzione.

Agire sul dolore funzionale.

Attraverso le terapie manuali è possibile ripristinare la corretta funzionalità dei tessuti, delle articolazioni o del sistema viscerale quando la causa sia da attribuire alle disfunzioni meccaniche. L’Osteopata è il professionista che agisce in questo settore con competenza, portando il paziente in uno stato di benessere generale.

Conclusioni.

Il dolore è una protezione. É il meccanismo attraverso il quale il nostro corpo ci protegge. 
Le persone avvertono frequentemente dolore di tipo meccanico/funzionale, il quale attiva i recettori, ed il corpo entra in modalità avvertimento/protezione.
La via corretta è quella di analizzare questi avvertimenti ed intraprendere terapie dirette alle cause del dolore, che come abbiamo visto non possono essere ritenute sempre come infiammatorie.
Le cause se trascurate, diventano invalidanti nel tempo e possono condurre il paziente in aspetti ben più complessi definiti bio-psico-sociali.

Mai trascurare il segnale che il nostro corpo ci manda. Pagheremo un prezzo caro più avanti. Questo è certo.

Ti è piaciuta questa pagina?

Se lo desideri puoi rimanere in contatto con noi. Potrai così essere sempre aggiornato su ogni articolo e video di argomenti molto interessanti che potrebbero esserti molto utili ora oppure in futuro. E’ sufficiente consultare la nostra pagina Facebook “Centro BSC Osteopatia” e cliccare su “Mi piace”.


  • -

OSTEOPATIA PROFESSIONE SANITARIA!

Osteopatia e chiropratica sono finalmente due professioni sanitarie!

Il riconoscimento di queste due pratiche era atteso da tempo. Ora si passerà alla definizione delle competenze specifiche di ogni professionista

Osteopatia e chiropratica sono da oggi professioni sanitarie a pieno titolo. «Una grande soddisfazione» dopo l’approvazione del decreto di legge sulla Riforma degli Ordini e le Sperimentazioni Cliniche che finalmente ha dato un riconoscimento ufficiale a queste due pratiche all’interno del Sistema sanitario nazionale.

Definizione del professionista

«Dopo aver festeggiato, ci metteremo al lavoro per il prossimo step, ovvero per definire le competenze professionali dell’osteopata, un passaggio fondamentale per delineare i confini e gli ambiti della professione all’interno del Sistema Sanitario Nazionale, e la sua formazione. In tutti questi anni la categoria è cresciuta molto e il suo riconoscimento è un grande passo avanti, anche e soprattutto per la tutela e la salute del paziente» continua la presidente. «L’accessibilità per i cittadini migliorerà e grazie all’istituzione di un albo i pazienti potranno orientarsi nella ricerca del professionista».

Leggi l’articolo qui:  la Sanità.

 

entra nella sezione OSTEOPATIA del sito:

Osteopatia strutturale


  • -

  • -
caviglia e blocco articolare

La Caviglia

La Caviglia BSC (Pdf)

 

Vuoi essere sempre aggiornato sui nostri servizi?

Se lo desideri puoi rimanere in contatto con noi! Potrai così essere sempre aggiornato su ogni novità, articolo o video molto interessanti, che potrebbero esserti utili ora oppure in futuro. E’ sufficiente consultare la nostra pagina Facebook Centro BSC Osteopatia e cliccare su “Mi piace”.

Se desideri contattarci, visita la pagina dei contatti


  • -

  • -

  • -

Corso estivo di logopedia: percorsi di lettura per la dislessia

LOGOPEDIA ESTATE

PERCORSI DI LETTURA … AFFRONTIAMO INSIEME LA DISLESSIA

Il corso si articola in incontri di lettura assistita e condivisa, che alterna momenti di esercizi collettivi ad altri individualizzati, mettendo a frutto tutte le potenzialità del lavoro di gruppo, sia sul piano del rafforzamento emotivo e dell’autostima, sia su quello della gestione di aspetti propriamente tecnici, legati al ritmo ed alla fluidità della lettura.

Il miglioramento dei limiti legati alle difficoltà di lettura consente di affrontare con maggior serenità un compito altrimenti frustrante e di accedere al testo narrativo, scoprendone aspetti di interesse e piacevolezza, acquisendo al contempo nuove competenze linguistiche e lessicali.
I ragazzi partecipanti saranno invitati a proporre testi a loro scelta, condividendo interessi e aprendosi ad un confronto guidato, che stimola il legame e la relazione dialettica all’interno del gruppo e, al contempo, implica una riflessione e una sistematizzazione dei contenuti , che è parte fondamentale dell’apprendimento.

Modalità di svolgimento del corso

Il corso è strutturato per fasce di età, dalla terza alla quinta elementare e dalla prima alla terza media.

Durata: 8 incontri bisettimanali di 1 ora.
Numero partecipant: max 10. Il corso si a va con un minimo di 6 partecipanti .
Periodo: 12 giugno-9 luglio/10 luglio-6 agosto mercoledì 15.00-16.00 elementari/16.30-17.30 medie
venerdì 15.00-16.00 elementari/16.30-17.30 medie Costo del corso (8 incontri): 80,00 €
Sede: Centro BSC, via dei Mille 61, tel. 0461 392491

Consulenza logopedica

Alle famiglie viene offerta una consulenza logopedica gratuita, come spazio di confronto e riflessione per attivare risorse e strategie, finalizzate a sostenere la crescita armoniosa del bambino.

Contatti e informazioni

Logopedista: Elisabetta Rollandini cell: 3491526286
e-mail: logo@elisabettarollandini.it


  • -

Sindrome di Haglund: sintomi e terapia

Cos’è la Sindrome di Haglund ?

Sindrome di Haglund: è una patologia infiammatoria che interessa la regione posteriore del tallone. E’ caratterizzata da una tendinite  inserzionale (tendine di Achille), da una borsite dell’omonimo tendine e da preminenza dell’osso del calcagno dovuta a crescita ossea per trazione del tendine stesso.

Spesso la sindrome di Haglundviene erroneamente confusa con la tendinite di Achille o tendinopatia inserzionale. A volte anche con con calcificazioni o spina calcaneare posteriore.

La sindrome di Haglundè una osteocondrosi dell’apofisi calcaneare posteriore. Essa richiede un terapia non breve associata a collaborazione attiva del paziente.

La protuberanza che si nota in età adulta rende difficile, a volte impossibile, l’utilizzo di calzature che schiacciano l’inserzione del tendine di Achille e la relativa borsa infiammata contro il tallone. Per questo motivo è importante porre attenzione e non trascurare un dolore nel calcagno. Questo specialmente in età giovanile (più negli sportivi) quando è tipico e possibile un problema di osteocondrosi.

Sintomi

Il dolore è localizzato nella zona della protuberanza. Nelle fasi avanzate e croniche può interessare anche la parte posteriore della gamba.

Inizialmente il dolore è avvertito dal paziente quando indossa calzature strette sul tallone e nella fase del passo. Nel tempo tale dolore può essere presente anche nei momenti di riposo.

Terapia

Ottimi risultati si raggiungono conla terapia ad onde d’urto, purché tali onde siano focali.

Questo è possibile in quanto le onde d’urto agiscono sulla rigenerazione dei tessuti attraverso un processo di autoriparazione del nostro organismo. Sono molto indicate nei casi di malattie e fratture ossee, vascolari proprio come le osteocondrosi, ma anche nelle patologie dei tessuti molli come legamenti, tendini, borse, pelle, muscoli e cellulite.

La novità è che i dati scientifici sembranodimostrare che la terapia meccanica (onde d’urto) produca effetti biologici utilissimi nella riparazione del tessuto.

Terapia questa indolore, non invasiva e priva di effetti collaterali.

 


  • -

L’ artrosi della mano

Artrosi della mano

L’Artrosi in generale è una patologia degenerativa. Essa colpisce la cartilagine delle articolazioni, la quale si usura e si consuma in modo progressivo. La conseguenza sarà una deformazione delle ossa seguita da infiammazione della membrana sinoviale che avvolge l’articolazione interessata.

Questa patologia della mano in Italia colpisce circa 4 milioni di persone, di cui l’80% sono over 65 anni. Essa può colpire anche in età meno avanzata (spesso ne soffrono le donne dopo la menopausa). La malattia, se non affrontata, progredisce e diventa cronica apportando seri problemi alla vita quotidiana di chi ne soffre.

Le articolazioni colpite sono quelle tra metacarpo e falangi o tra le falangi oppure fra l’osso trapezio e il 1° metacarpo, alla base del pollice.

Artrosi della mano

Cause

L’artrosi della mano ha eziologia multifattoriale.

Arteriosclerosi, diabete, fattori genetici, fratture, invecchiamento (uomini), menopausa, obesità, svolgimento di lavori domestici.
Svolgimento di lavori pesanti (i muratori sono particolarmente colpiti dalla patologia), traumi alla mano, svolgimento di lavori precisi e continui (es cucire con ago).

Sintomi

Il sintomo principale dell’artrosi della mano è il dolore alle dita e alle mani che si manifesta in modo acuto al risveglio.  Anche dopo che la mano è stata tenuta ferma per qualche ora. Oppure dopo aver forzato l’arto.

Nei casi più gravi si manifesta anche quando la mano è tenuta a riposo. Altri sintomi caratteristici sono la rigidità, i rumori articolari, il gonfiore, i noduli che si formano attorno alle articolazioni delle dita.

Terapia fisica

Vista la diffusione del problema nella mano, utili sono le sedute di ultrasuoni in acqua seguite da terapia manuale con lo scopo di restituire la mobilità.

Artrosi della base del pollice, o Rizoartrosi

rizoartrosi-palmare - Artrosi della mano

Il dolore è localizzato nella base del pollice (foto 2 e 3). Esso è maggiore nel movimento, ad esempio tenendo un oggetto tra pollice ed indice, aprire un barattolo, girare una chiave, ecc.

Con il peggioramento di questo tipo di artrosi della mano il dolore aumenta di intensità anche a riposo. La funzione ne è ulteriormente compromessa. Trattandosi di artrosi non vi è ancora una terapia definitiva.

Il tutore, secondo la nostra esperienza, serve a poco se l’obiettivo è ristabilire la funzionalità. È vero che esso tiene il pollice fermo “impedendone l’uso” (quindi sentiamo meno dolore), ma questa non è certo la soluzione. Come sopra citato, quando si tratta di artrosi, ciò che aggrava    la situazione è il blocco del movimento (tutore).

rizoartrosi-dorsale - Artrosi della mano

Per ridurre drasticamente il problema dell’ artrosi della mano serve il movimento come per ogni articolazione sana. Questo perché il liquido sinoviale presente all’interno della capsula che avvolge l’articolazione, se rigenerato e pulito, ha proprio il compito di formare la cartilagine. Tutto ciò sta alla base per una buona conservazione delle superfici articolari. E tutto ciò avviene attraverso il movimento.

Ma il movimento genera dolore, così il paziente tende a proteggere la parte tenendola ferma, innescando un circolo vizioso: “ristagno di cataboliti” e conseguente riduzione del movimento. Ciò genera ulteriore aumento del problema e del dolore.

Terapia fisica

Una valida soluzione consiste nella terapia combinata in due fasi: una fase iniziale di qualche seduta di onde d’urto, seguita da una seconda breve fase di mobilizzazione articolare.

Con questa terapia fisica, indolore e di veloce risposta, il paziente riacquista il proprio benessere.